Tomarchio Bibite nella Guida Top Italian Food 2023 Gambero Rosso

20 Gen 2023 | News dai soci

Il Chinotto bio di Tomarchio Bibite, linea biologica nata nel 2016, verrà inserito nella settima edizione della Guida Top Italian Food 2023 di Gambero Rosso, il volume che seleziona le migliori aziende e le promuove in Italia e all’estero. L’artigianalità è il fiore all’occhiello della guida Top Italian Food e Tomarchio Bibite da oltre un secolo lavora per valorizzare ed esportare nel mondo – ben 36 Paesi – il brand “Sicilia” attraverso i sapori e i profumi che caratterizzano l’Isola, rimarcando le origini e il forte legame col territorio.

 

 

Il prossimo anno festeggeremo i 103 anni della nostra realtà – ha sottolineato Claudia Sutera, responsabile marketing Sibat Tomarchio, presente al Roma Convention Center “La Nuvola” per la cerimonia di premiazione – e questo riconoscimento accresce il valore di un marchio che continua a investire in ricerca e in innovazione di prodotto e di processi, testimoniando la passione e l’impegno che ogni giorno mettiamo nei nostri prodotti, per offrire ai consumatori italiani ed esteri la Sicilia più autentica. Un premio che riconosce il valore della filiera agrumicola locale, del Distretto Produttivo Agrumi e dei vari Consorzi di tutela che lavorano per sostenerla, dalla quale provengono le principali materie prime utilizzate nelle nostre bibite. Proprio in questa direzione dal prossimo anno tutte le nostre bibite Bio avranno esclusivamente zucchero 100% biologico italiano grazie all’accordo di collaborazione con Italia Zuccheri – continua Claudia Sutera – Pur guardando al futuro e seguendo le dinamiche di un mercato sempre in evoluzione rimaniamo saldamente ancorati alle nostre tradizioni, rispettosi del metodo di lavorazione tramandato gelosamente da tre generazioni e di una ricetta che utilizza agrumi biologici a km0 e acqua proveniente dalle pendici dell’Etna”

 

La Sicilia in bottiglia dal 1920

Correva l’anno 1920 quando Filippo Tomarchio avviò la produzione delle primissime bottiglie di bibita artigianale che distribuiva porta a porta in cassette di legno nel territorio di Acireale. Oggi le bibite Tomarchio sono tra le preferite delle famiglie siciliane e non solo, perché rappresentano al meglio il gusto vero e autentico di questa meravigliosa isola e dei sapori autentici.

Qual è il segreto di queste bibite? Cosa le rende uniche nel loro genere?

Gli ingredienti semplici e genuini che non alterano il gusto unico e ineguagliabile nel tempo. I succhi dei migliori agrumi appena spremuti maturati al caldo sole della Sicilia, l’acqua proveniente dalle pendici dell’Etna, ricca di minerali dal gusto inimitabile, e infine una produzione artigianale rispettosa del metodo di lavorazione tramandato gelosamente da 101 anni e tre generazioni. Con una produzione di 40 milioni di bottiglie, Tomarchio Bibite raggiunge oltre 1.400,000 famiglie di consumatori in Italia e all’estero. Un mercato che viene coperto interamente sia nella distribuzione Retail che Horeca attraverso le tre linee di prodotto, la Classica, la BIO e la Deliziosa & Autentica.

Ultimi articoli

ASSOBIBE: LA SUGAR TAX TASSA LO ZUCCHERO ANCHE QUANDO NON C’È

Commentando la sentenza n. 49 della Corte Costituzionale depositata oggi con la quale si dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale sulla Sugar tax, Giangiacomo Pierini, Presidente di ASSOBIBE, associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche, dichiara: “Siamo davvero stupiti dalla pronuncia della Consulta, ma ancora di più dalle motivazioni che si basano su un razionale scientifico contestabile e, soprattutto, slegato dai consumi reali in Italia. Rimaniamo convinti che per affrontare patologie multifattoriali come sovrappeso, obesità e diabete occorrano approcci integrati – dichiara Pierini – una misura che colpisce un unico alimento non può pagare e non modifica comportamenti non equilibrati. I Paesi agiscono con approcci diversi e in molti casi la Sugar tax è stata introdotta per incentivare la riformulazione: noi l’abbiamo fatto senza bisogno di tasse – spiega Pierini – arrivando a tagliare del 41% lo zucchero immesso a scaffale, anche attraverso azioni volontarie e protocolli siglati con il Ministero della Salute, e applicando rigide autolimitazioni nella vendita verso i consumatori più fragili come i bambini. Lasciamo da parte cavilli giuridici in cui giudici affermano che lo zucchero sia da contrastare solo se presente nelle bibite – dichiara Pierini -. La scelta se tenere una nuova tassa, oggi inutile e dannosa per famiglie e imprese, è del Governo. Le imprese chiedono scelte basate su evidenze, numeri e buon senso”.

Produttori e distributori del beverage uniti nel rimarcare l’importanza dei consumi fuori casa per il Paese

Produttori e distributori del beverage uniti nel rimarcare l’importanza dei consumi fuori casa per il Paese

L’appello lanciato dal Presidente di ASSOBIBE al convegno “Consumi e scenari nell’Italia che cambia” nel corso della 13° edizione dell’International Horeca Meeting di Rimini.
“In questa fase di grande incertezza, con un’inflazione che ha modificato la spesa per il fuori casa e si è radicata nelle aspettative degli italiani, servono misure del Governo a sostegno dei consumi, anziché depressive”