Un sorso di Made in Italy: le bevande analcoliche protagoniste della storia e dei momenti di condivisione degli italiani

28 Giu 2023 | Comunicati stampa

Non solo cole, aranciate e tè freddi, gli italiani sono ancora grandi amanti dei prodotti della tradizione come toniche, chinotti, gassose e spume simbolo del Made in Italy nel mondo, sono consumatori moderati e occasionali di bevande analcoliche: massimo 1 o 2 bicchieri, prevalentemente in occasioni di relax e convivialità e soprattutto durante i mesi estivi.
Le opzioni “zero” (es. senza zucchero, caffeina e teina) sono apprezzate da 7 italiani su 10 che danno il merito a queste opzioni di aver contribuito ad un consumo maggiormente consapevole rispetto all’apporto calorico

Questi sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca “Bevande analcoliche: immagine, valore, tradizione e significato” realizzata per ASSOBIBE, l’associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche in Italia, da Euromedia Research nel mese di giugno

Milano, giugno 2023. Un’industria che affonda le sue radici nella storia e nella tradizione italiane. Un Paese cresciuto a cole, aranciate, toniche, tè freddi, aperitivi analcolici, chinotti e gassose, dove la pausa relax e il momento di convivialità hanno il sapore di una bibita, e dove gusto, tradizione e innovazione si incontrano e danno vita a nuove formulazioni, che strizzano l’occhio ai sapori di una volta, ma con formulazioni “senza”.

È la fotografia di un settore, quello delle bevande analcoliche in Italia, che emerge dalla ricerca “Bevande analcoliche: immagine, valore, tradizione e significato” realizzata per ASSOBIBE da Euromedia Research,presentata a Milano in occasionedell’Assemblea annuale ASSOBIBE, Associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche in Italia.

Gli italiani e le bevande analcoliche: relax, convivialità e ricordi d’infanzia

Cole, aranciate, toniche, chinotti, gassose, spume, aperitivi analcolici e tè freddo: per 9 italiani su 10 sono sinonimo di relax e convivialità. Per il 25,9% degli italiani rappresentano un momento di pausa, una coccola; per il 24,4% sono un “simbolo” di festa e socialità mentre per il 16% sono legate a un ricordo dell’infanzia.

Gli italiani, secondo quanto emerge dalla ricerca condotta per ASSOBIBE da Euromedia Research, associano l’immagine delle bevande analcoliche non solo ai momenti di relax e convivialità (85,3% degli intervistati) -essendo qualcosa che li accompagna nella vita (81,5%) in particolare associata all’estate come una piacevole pausa rinfrescante (86,8%) – ma per il 77,7% degli intervistati sono parte integrante della tradizione italiana, e per il 72,6% rappresentano il gusto italiano.

Gli italiani: consumatori moderati

Quasi il 90% degli intervistati non consuma queste bevande quotidianamente: il 22,4% le consuma solo una volta a settimana; il 13,6% 3-4 volte al mese e ben il 24,6% le consuma raramente, solo in determinate occasioni (il 38,6% in estate durante le vacanze; il 35% nei momenti di relax con gli amici).

Oltre 8 italiani su 10 (81,2% degli intervistati), quando si trovano a consumarle, non bevono più di 1 o 2 bicchieri, a conferma del dato che vede l’Italia all’ultimo posto in Europa per consumo di soft drink (meno di un terzo rispetto alla testa della classifica).

Gli italiani amano i prodotti della tradizione: accanto ai super classici come cola e aranciata, non hanno mai smesso di consumare prodotti come chinotto, spuma, gassosa e cedrata che, curiosamente, piace tanto alla generazione Z (18-30 anni) quanto alla generazione BB (61-80 anni), indicata rispettivamente dall’8,4% e dall’8,8% dei due target.

Un consumo maggiormente consapevole e a ridotto apporto calorico, preferendo i prodotti “zero”

In un contesto nel quale 9 italiani su 10 (87,4% degli intervistati e il 72% nella fascia d’età 18-30) si dichiarano soddisfatti della varietà di bevande analcoliche presenti sul mercato, oltre 7 italiani su 10 sono soddisfatti dell’offerta delle bevande “zero” (es. senza zucchero, caffeina, teina) che secondo il 64,4% degli intervistati hanno contribuito ad un consumo maggiormente consapevole rispetto all’apporto calorico.

“Questo dato è per noi estremamente rilevante perché è segno che stiamo andando nella direzione giustaspiega Giangiacomo Pierini, Presidente ASSOBIBE -. Le nostre imprese investono moltissimo in innovazione e sono impegnate da anni nell’offrire soluzioni che riescano a coniugare il gusto della tradizione che tanto piace ai consumatori a un ridotto apporto calorico: lo zucchero immesso in consumo si è ridotto di oltre il 40% negli ultimi 10 anni, anche attraverso Protocolli siglati dalla categoria con il Min. Salute”.

L’impatto dell’industria delle bevande analcoliche sulla crescita e valorizzazione del territorio

Dalla ricerca realizzata per ASSOBIBE da Euromedia Research, l’industria dei soft drink emerge fortemente radicata sul territorio, sia per l’apporto in termini di valorizzazione della materia prima sia per l’occupazione e l’indotto che genera sia, infine, per la valorizzazione della tradizione italiana nel Mondo.

“Per l’86% del campione intervistato, l’industria delle bevande analcoliche in Italia ha un ruolo determinante per lo sviluppo del territorio, sia perché dà una spinta alla valorizzazione del Made in Italy (per l’82,7%) sia per gli effetti su occupazione e indotto (72%) spiega Alessandra Ghisleri, direttrice di Euromedia Research -. La presenza di stabilimenti sul territorio viene vissuta principalmente in maniera positiva, riconoscendone il valore dell’indotto e il possibile potenziamento dell’intera area”.

Il comparto investe nelle materie prime nazionali 1,4 miliardi di euro ed utilizza il 50% di frutta italiana. Negli anni l’industria ha scelto di valorizzare questo patrimonio, sviluppando prodotti che evocano sapori antichi e legati alla tradizione territoriale, e questo per il 79% degli intervistati contribuisce a portare il Made in Italy nel mondo. Secondo la ricerca realizzata per ASSOBIBE, infatti, per il 78% del campione le bevande analcoliche fanno parte della tradizione italiana, mentre il 72,6% vi ritrova il gusto italiano.

Ufficio stampa:
Elena Sabino – elena.sabino@elettrapr.it – 392 4132100
Mauro Perego – mauro.perego@elettrapr.it – 393 8188596

Ultimi articoli

Produttori e distributori del beverage uniti nel rimarcare l’importanza dei consumi fuori casa per il Paese

L’appello lanciato dal Presidente di ASSOBIBE al convegno “Consumi e scenari nell’Italia che cambia” nel corso della 13° edizione dell’International Horeca Meeting di Rimini.
“In questa fase di grande incertezza, con un’inflazione che ha modificato la spesa per il fuori casa e si è radicata nelle aspettative degli italiani, servono misure del Governo a sostegno dei consumi, anziché depressive”

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti  della tassa su consumatori e imprese

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti della tassa su consumatori e imprese

ASSOBIBE: subito un confronto per intervento definitivo

Per il settore l’entrata in vigore della tassa (+28% di fiscalità) a luglio 2024 significa una flessione delle vendite del 15,6%, una riduzione degli acquisti di materie prime di 400 mln e un taglio degli investimenti di 46 mln. A rischio oltre 5 mila posti di lavoro.
Una misura che penalizza il prodotto e non i comportamenti scorretti e vanifica gli sforzi fatti da un settore che negli anni ha tagliato del 41% lo zucchero immesso a consumo.