“Creata dalla natura”: la nuova campagna di Lurisia

9 Ago 2023 | News dai soci

Da secoli l’Italia è rinomata per la sua arte e l’abilità dei suoi artisti nel creare opere straordinarie, ma vanno considerati anche i capolavori che la natura offre da millenni, come l’unicità e la qualità dei suoi prodotti, delle vere e proprie eccellenze che hanno reso il Bel Paese famoso e apprezzato nel mondo.

Lurisia ha deciso di celebrare la ricchezza offerta dal territorio italiano lanciando la campagna “Creata dalla natura “, volta soprattutto a riportare l’attenzione dei consumatori sulla purezza degli ingredienti e la qualità della gamma dei suoi prodotti: i chinotti, la Gazzosa, preparata ancora oggi con la sua ricetta originale, con una varietà di limoni coltivati da oltre 300 anni sui terrazzamenti della costiera amalfitana. Attenzione particolare alla varietà delle arance per le Aranciate, che provengono dai migliori agrumeti: estratto dell’arancia di Puglia per la versione classica, succo di “Arancia Rossa di Sicilia IGP” per l’Aranciata Rossa ed estratto dell’arancia Melangolo di Puglia per la versione amara. La Limonata, invece, nasce dagli estratti di tre diverse fioriture del limone, coltivati tra i panorami più suggestivi d’Italia, baciati dal sole e dal mare; tutte materie prime di qualità, scelte e lavorate per valorizzare al meglio il territorio.

Ultimi articoli

Produttori e distributori del beverage uniti nel rimarcare l’importanza dei consumi fuori casa per il Paese

L’appello lanciato dal Presidente di ASSOBIBE al convegno “Consumi e scenari nell’Italia che cambia” nel corso della 13° edizione dell’International Horeca Meeting di Rimini.
“In questa fase di grande incertezza, con un’inflazione che ha modificato la spesa per il fuori casa e si è radicata nelle aspettative degli italiani, servono misure del Governo a sostegno dei consumi, anziché depressive”

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti  della tassa su consumatori e imprese

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti della tassa su consumatori e imprese

ASSOBIBE: subito un confronto per intervento definitivo

Per il settore l’entrata in vigore della tassa (+28% di fiscalità) a luglio 2024 significa una flessione delle vendite del 15,6%, una riduzione degli acquisti di materie prime di 400 mln e un taglio degli investimenti di 46 mln. A rischio oltre 5 mila posti di lavoro.
Una misura che penalizza il prodotto e non i comportamenti scorretti e vanifica gli sforzi fatti da un settore che negli anni ha tagliato del 41% lo zucchero immesso a consumo.