Tea Collection di Fonte Plose: formato e design si rinnovano

25 Lug 2023 | News dai soci

Dal suo ingresso sul mercato nel 2017, la Tea Collection di Fonte Plose è cresciuta sempre di più con uno slancio di performance soprattutto nell’ultimo anno. Per supportare distributori e locali in questa direzione di consumo, Fonte Plose ha introdotto un nuovo formato rinnovato nel packaging e nel design.

Una nuova bottiglia da 275ml VAP sostituirà il precedente formato da 250ml VAP e sarà consegnata in cartoni da 12 bottiglie anziché da 24 pezzi. Per i fidelizzati del vetro a rendere, resta ancora la classica bottiglia da 250ml in casse da 24 pezzi, ovviamente anch’essa adeguata al nuovo design. Una soluzione che avvantaggia gli operatori anche in termini di spazio e gestione degli ordini. A prima vista si può notare la nuova etichetta, svecchiata, più curata e ricca di particolari ispirati a colori e forme di stile, sempre profondamente italiani nel tratto. Quello che non cambia infatti è l’essenza tipica di Tea Collection: un prodotto italiano e affidabile, ricette originali studiate dall’azienda altoatesina e preservate in bottiglie di vetro, ingredienti di prima categoria e gusto autentico, che optano per una ricetta senza coloranti, conservanti e zuccheri aggiunti.

La nuova Tea Collection riporta i gusti più amati dai clienti Plose: Thè Pesca, Thè Limone, The Verde e Thè Bianco & Zenzero. 

Ultimi articoli

Produttori e distributori del beverage uniti nel rimarcare l’importanza dei consumi fuori casa per il Paese

L’appello lanciato dal Presidente di ASSOBIBE al convegno “Consumi e scenari nell’Italia che cambia” nel corso della 13° edizione dell’International Horeca Meeting di Rimini.
“In questa fase di grande incertezza, con un’inflazione che ha modificato la spesa per il fuori casa e si è radicata nelle aspettative degli italiani, servono misure del Governo a sostegno dei consumi, anziché depressive”

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti  della tassa su consumatori e imprese

Manovra 2024: Sugar tax, lo slittamento è un segnale importante ma restano i preoccupanti effetti della tassa su consumatori e imprese

ASSOBIBE: subito un confronto per intervento definitivo

Per il settore l’entrata in vigore della tassa (+28% di fiscalità) a luglio 2024 significa una flessione delle vendite del 15,6%, una riduzione degli acquisti di materie prime di 400 mln e un taglio degli investimenti di 46 mln. A rischio oltre 5 mila posti di lavoro.
Una misura che penalizza il prodotto e non i comportamenti scorretti e vanifica gli sforzi fatti da un settore che negli anni ha tagliato del 41% lo zucchero immesso a consumo.